13 aprile 2014

CHICAGO: WELCOME TO THE WINDY CITY


e' la seconda volta che vado a Chicago, e' la seconda volta che ci capito in Aprile ed è la seconda volta che me ne innamoro.
la prima volta e' stata qualche anno fa e il motivo era un long weekend con un'amica e la missione di accaparrarmi il primissimo iPhone mai nemmeno uscito in italia, (sono pazza, lo so, ma far felice mon amour non ha nè prezzo nè confini), stavolta ci sono andata per lavoro e sempre in ottima compagnia, ma principalmente una cosa hanno avuto in comune questi due viaggi nella stessa città: un freddo cane!!

se anni fa, dopo 3 giorni di pioggia e freddo, aveva anche deciso di nevicare (!!!), stavolta ad attenderci c'erano temperature polari, le stesse definite quest'anno da tutti gli abitanti della east coast come le più fredde di sempre! vi dico solo che la prima sera di ritorno dalla cena non siamo state in grado nemmeno di fare pochi isolati a piedi da quanto si battevano i denti!
fortunatamente poi la fortuna ha girato, le temperature da fine inverno son rimaste, ma mitigate da un bel sole ed un cielo azzurrissimo!

che dire di Chicago? sicuramente una delle città più belle del paese, una città dall'architettura spettacolare, dove pezzi d'arte di artisti di fama mondiale son piazzati per strada a pochi passi dai murales di qualche artista sconosciuto, una città con uno skyline che nulla ha da invidiare a quello più famoso di New York, e dove le persone sono super friendly, e dove musei, shopping e ristoranti non deluderanno nessuno!

al solito non voglio calarmi nel ruolo di guida "ufficiale" che non mi appartiene, ma al solito voglio lasciarvi qualche personale suggerimento.... avete carta e penna alla mano??

1) pls fate un favore a voi stessi e andateci tra metà maggio e metà settembre: le temperature sono più amichevoli e potete godervi tutto ciò che la città ha da offrirvi, come una lunga pedalata costeggiando il bellissimo lago e addirittura una vera e propria giornata in spiaggia sulle sue rive

2) che decidiate di dormire in un hotel alla moda in centro o in uno più a buon mercato in posizione più defilata, ricordatevi che la città si gira benissimo a piedi, e che quando questi implorano pietà, i taxi sono davvero a buon mercato

3) per 3 specialità e' davvero famosa chicago: per i pop corn che troverete ad ogni angolo, in ogni bar e in ogni hotel (anche se i più famosi sono quelli di Garret's), per gli hot dogs super farciti ma rigorosamente senza ketchup, e per la pizza: altissima, piena di formaggio e ricoperta da tanto pomodoro... quella di Giordano's tanto per dirne una

4) da non perdere: la cima della Willis Towers (ex sears) con i suoi gabbiotti in vetro sporgenti nel vuoto che vi faranno correre un bel brivido lungo la schiena, Millenium Park con le sue sculture futuristiche, il suo fagiolo su cui si specchia vanitosa la città e le sue inconfondibili fontane, un giro a bordo della sferragliante "L" che corre ancora sugli storici binari in legno sospesa tra i grattacieli del centro, e le ville di Oak Park, dove i fan di Andrew Lloyd Wright potranno visitare la sua casa ed il suo studio (anche se la casa sulla cascata e' davvero un'altra cosa.... sappiatelo)

5) wrigley field: volete sentirvi davvero americani? bhe, non rinunciate ad una partita dello sport nazionale per eccellenza, il baseball.

6) una settimana a Chicago, nella patria degli hot dogs e degli hamburgers e noi... abbiamo mangiato quasi sempre orientale! agli amanti del sushi segnalo il Southcoast, indimenticabili gyoza e indimenticabili huramaki, specialmente i Volcano... piccantissimi!
a chi invece come noi avesse voglia di provare qualcosa di nuovo, segnalo un posticino carinissimo la cui specialità e' il ramen: The Slurping Turtle! vi dico che l'aspetto ci ha inizialmente spaventate... ma e' bastata una cucchiaiata di quel brodo bollente, piccante e speziato, condito con maiale, polpette e tanti noodles per farci capitolare per sempre! (vedere foto QUI)

7) 2 musei non dovete perdervi: lo spettacolare Museo della Scienza (dove vi perderete per una giornata intera coinvolti dalle sue esposizioni interattive che vi faranno sperimentare sulla vostra pelle anche l'esperienza di un tornado!), e l'Art Institute, dove estrosi pezzi d'arte americana moderna fanno compagnia ad un'ampia collezione di opere dell'Impressionismo, da Gauguin a Van Gogh, da Renoir a Monet e molti altri ancora.

8) l'Architectural Cruise: noi non abbiamo avuto il tempo di farla, ma pare che da sola valga il viaggio e sfidare anche il vento freddo dell'inverno!

9) una serata alla House of Blues: complice l'invito ad un party privato, abbiamo avuto la fortuna di goderci una serata all'interno di uno dei locali più famosi d'America e vero e proprio simbolo per gli amanti del blues (anche se questi interni decorati in stile indiano non li ho mica capiti, eh?).
se invece volete qualcosa di più piccolo e mangiare qualcosa mentre a pochi passi dal vostro tavolo una band suona musica jazz/blues, l'Andy Jazz Café e' il posto che fa per voi (ok e' vero ci vanno un sacco di turisti, ma sulla qualità della musica non si discute!)

10) davvero vi servono ancora altri motivi?? bhe, allora vi dico che Chicago, insieme a Boston e San Francisco, e' una delle 3 città più belle degli Stati Uniti... può bastare?!
(NYC non partecipa per me ad alcuna classifica, she's simply my home sweet home, nothing can compare)





Nessun commento:

Posta un commento

che ne pensi?

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails