28 giugno 2013

DUBAI - UN MISTERO NEL DESERTO!

...finalmente in luna di miele!
Dopo la giornata fantastica in cui insieme ad amici e parenti ci siamo sposati e abbiamo festeggiato all'interno di una cornice meravigliosa il nostro matrimonio, eccoci ora in vacanza!
E come l'anno scorso ho deciso di portarvi con noi, quindi se avete voglia di leggere i racconti e vedere qualche foto in anteprima seguiteci nelle prossime settimane!

L'avventura comincia a Dubai dopo un volo perfetto da Londra con Qantas, (a proposito, un consiglio: se volete farvi un regalo ma come noi non avete budget per la business class, optate per la premium economy situata sull'upper deck del fighissimo A380, ne vale davvero la pena!), al nostro arrivo ci attende la caldazza del deserto fortunatamente accompagnata anche da un flebile venticello, ci sistemiamo in hotel, facciamo un giretto in spiaggia e dopo una breve pennichella siamo pronti a metterci in moto!

Prendiamo un taxi e ci dirigiamo al Dubai Mall, dal quale saliremo all'osservatorio del Burj Kahlifa, il grattacielo più alto del mondo, anzi... una vera e propria città verticale!
Ma mentre attraversiamo la città in auto, le perplessità sono molte: la città e' una vera e propria foresta di grattacieli e di cantieri, ma con un'atmosfera ben lontana da quella creata dai grattacieli di New York, qui non si vede nessuno a piedi, le strade sono enormi, non vedi vita di quartiere e ti chiedi dove e come vivono le persone... mi avevano descritto questa città un po' come la Las Vegas del medio oriente, ma assolutamente non è così! 
Forse complice il cielo grigio nonostante non ci sia una sola nuvola, complice il caldo, complice le distanze da un quartiere all'altro che ti impediscono di scoprire e vivere la città a piedi scoprendone l'atmosfera, complici le centinaia di gru metalliche che rendono il paesaggio un po' spettrale, devo dire che Dubai non ci affascina come avevo sperato...

E poi sembrano tutti talmente presi a ricreare l'occidente, disseminando in tutta Jumeirah Beach e nei centri commerciali ristoranti e fast food stranieri, (dalla International House of Pancakes alla Cheesecake Factory, dalla gyreria greca al fast food libanese, da Pizza Hut al London fish & chips, e così via), che alla fine non hai idea di quale sia la cucina e la specialità del posto! Mangeranno carne di cammello come in nordafrica o kebab come in Turchia? Mangeranno pesce visto che la città e' sul mare o si ingozzeranno di pizza al caviale?

Ecco, questo rimarrà un mistero, ma una cosa e' certa: il bacon e' di manzo!
Essendo terra islamica forget the pork! (Anche se il ristorante di Armani c'è l'ha in menù!)

L'arrivo al Dubai Mall ci rimette un minimo in pista, ci frullano ancora in testa un milione di domande sulla citta' e su gli usi e costumi della sua gente, ma questo enorme centro commerciale con più di 1200 negozi, (roba da fare impallidire il mio adorato Orio Center!), e' davvero bellissimo: negozi di ogni tipo, dalle grandi firme ai negozi di caramelle, ovunque ristoranti e chioschi che vendono qualsiasi tipo di cucina a qualsiasi prezzo, il tutto reso ancora più attraente da pavimenti scintillanti e tappeti morbidissimi, e poi se ancora non vi bastasse, ci sono pure un mega acquario e una pista per pattinare sul ghiaccio!
Questo posto e' da affrontare con scarpe comode e una bella carta di credito platino stretta tra i denti, credetemi!

Il Khalifa e' senza dubbio impressionante con i suoi 828 mt di altezza, ma quando sali in cima (che poi non sei in cima ma a meta', l'osservatorio si trova SOLO a circa 400 mt di altezza), succede quello che succede sempre quando non sei a NYC: il panorama non è niente di che... ma questo purtroppo, secondo la mia opinione, vale un po' per tutti gli osservatori che ho visto finora fuori dalla grande mela (Sears Tower di Chicago, CN Tower Toronto, Space Needle a Seattle e così via...), vi farò sapere se a Melbourne andrà meglio con la Eureka Tower, ma non sono ottimista...
Quindi una volta che hai fatto qualche foto dal 124esimo piano sul panorama per lo più piatto e desertico circostante, e dopo aver visto la location e qualche memorabilia di Mission Impossible, sei pronto a scendere a bordo degli ascensori super veloci e super silenziosi.
E sapete quanto ci hanno messo a costruire questa meraviglia tecnologica dalla particolare pianta a fiore? 4 anni! No, ma io dico: 4 anni!!
Ma questi fantastici operai non hanno voglia di venire un week-end in Italia a finire la nostra ormai mitica Salerno/Reggio Calabria??!! Il panino con la sopressata glielo offro io!
Il mare: il mare a Dubai Marina e' SPETTACOLARE!!
Non sto scherzando: chiaro, pulito, con il fondale digradante e.... bollente!! 
L'acqua sarà a dir poco a 30 gradi, vi assicuro che dopo un po' esci perché anziché darti refrigerio ti fa venire ancora più caldo!
Il paesaggio che fa da sfondo invece è terribile, una parata di grattacieli mezzi finiti e mezzi no, per lo più grigi e marroni.... diciamo che il gusto non è proprio la carta vincente di questa città.
La Vela: ovvero l'hotel a 7 stelle Burj al Arab!
L'edificio e' davvero bellissimo e sorprendente come ve lo immaginate, sia dentro che fuori, l'hotel e' talmente esclusivo che per entrare dovete essere in lista, sennò non superate nemmeno la sbarra esterna, e per prendere un cocktail con vista dallo splendido Skyview Bar dovete avere la prenotazione, scordatevi di decidere all'ultimo momento perché non vi fanno salire nemmeno se state morendo di sete...!
Le suite sono pazzesche, meno pacchiane di quanto mi aspettassi, ma lussuosissime... uno dei loro bagni e' grande poco meno della sala di casa mia (...e la mia sala e' grande!); notevole anche la sala ristorante con l'acquario, diciamo pure che fa scena!
Riassumendo: ok Dubai per un long week-end a base di solo shopping e mare, in effetti il volo diretto da Milano ti porta qui in circa 6 ore e il fuso orario e' fantastico (+2 ore); per il resto mi viene in mente solo una canzone di Cocciante: bella senz'anima.

Nota per gli sceicchi: che ne dite di piantarla con tutti questi cantieri per grattacieli sempre più nuovi e dalle forme piu' assurde e magari di cominciare a rendere più funzionale e meno obsoleta la vostra rete dei trasporti? In una città di alberghi costruiti sull'acqua e grattacieli da 200 piani, quanto meno mi aspetterei una metropolitana super veloce e moderna da fare impallidire i giapponesi, non quella scarsa e che collega malissimo la città che avete! Think about it!














Nessun commento:

Posta un commento

che ne pensi?

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails