28 febbraio 2012

LA TORTA PASTICCIOTTO


Me ne sono innamorata subito vedendo una puntata del Cake’s Boss almeno un anno fa, anche perché il buon Buddy spacciava questi pasticcini come i preferiti di Frank Sinatra che io adoro, solo successivamente ho scoperto che sono dei dolci tipici del Salento e in particolare della provincia di Lecce: pasta frolla ripiena di crema pasticcera… esiste forse abbinamento più perfetto??

Così dopo aver a lungo rimandato, domenica mattina mi son decisa, anche perché morivo dalla voglia di provare (finalmente) una delle 1000 ricette contenute in un libro che secondo me dovrebbe stare in ogni casa: "Frolla & Sfoglia", di Michel Roux.
Altrimenti rinominata da me come la sacra bibbia degli impasti e delle ricette di base, questo libro di ricette lo considero senz'altro uno dei miei migliori acquisti, lo sfoglio continuamente, lo guardo e lo riguardo, ma alla fine mai prima della scorsa domenica avevo trovato il tempo di testarlo.

Con i pasticciotti da fare quindi, il momento giusto era giunto: ricetta della pasta frolla + quella della crema pasticcera, perchè da qualche parte bisogna pur iniziare, no?
Resoconto: la frolla viene molto bene, consistenza perfetta, liscia, con quella punta di salato che a me piace un sacco, unica nota “dolente”... manca del tutto quel profumo di scorza di limone che per me nella frolla è d’obbligo, la prossima volta la rifarò pari pari ma aggiungerò anche qualche profumata scorzetta grattuggiata!

Crema pasticcera buonissima (tra l’altro preparata con uno degli ultimi baccelli di vaniglia che mi aveva portato la santa-pear dalla polinesia), morbida, vellutata e con quel profumo davvero tipico che solo nelle buone pasticcerie si sente, pero’ anche qui piccolo appunto: troppo zucchero! La prossima volta dimezzero’ (come minimo) la dose indicata e sono sicura che monsieur Roux mi perdonerà!

Come dicevo all’inizio, i pasticciotti originali sono dei dolcetti tradizionali, piccoli e dalla forma ovale, in rete pero’ ho visto che esisteva anche la versione torta e, essendo io una tipa sbrigativa oltre che pigra, ho optato certamente per questa seconda opzione!

Il verdetto? Assolutamente da riprovare, assolutamente da… reinventare!
Ho già in mente future versioni dove il ripieno cremoso sarà arricchito da tantissime fragoline di bosco o ancora un’altra dove la crema sarà scura e cioccolatosa!

Stasera intanto mi aspetta il corso di cucina Tex-Mex con la cara Laurel, a cui seguirà anche una gustosa cena a base di roasted peppers & chipotle soup, cornbread, BBQ ribs, baked potatoes e maple & pecan pie! What american night, guys!


Ingredienti

per la pasta frolla:
250 gr di farina (io quella per crostate)
125 gr di burro morbido
1 uovo
1 cucchiaino di zucchero
mezzo cucchiaino di sale
40 ml di acqua fredda

per la crema pasticcera:
6 tuorli
125 gr di zucchero
40 gr di farina
mezzo litro di latte intero
1 baccello di vaniglia


Cominciate con il preparare la pasta frolla:

versate la farina a fontana su un tagliere, mettete al centro il burro tagliato a tocchetti, l'uovo, lo zucchero e il sale, mescolateli e lavorateli con la punta delle dita aggiungendo la farina poco alla volta.
Aggiungete l'acqua fredda poco alla volta e impastate finchè gli ingredienti non si saranno trasformati in una bella palla liscia ed omogenea; avvolgetela in un foglio di pellicola trasparente e fatela riposare in frigo per un'oretta.

Preparate ora la crema pasticcera:

in una ciotola sbattete i tuorli con un terzo dello zucchero finchè il composto non sarà bello cremoso, a questo punto incorporate poco alla volta la farina e continuate a sbattere.
Scaldate il latte con il resto dello zucchero e il baccello di vaniglia tagliato e aperto per il lungo dal quale avrete estratto con la lama del coltello tutti i preziosi semi al suo interno; appena inizia a bollire versatelo a filo nel composto di uova continuando a mescolare.
Mescolate bene e rimettete il tutto nella pentola sul fuoco dove lo porterete a ebolliizione facendo cuocere a fuoco medio finchè la crema si sarà addensata e avrà raggiunto la consistenza desiderata.

A questo punto assemblate la torta:

imburrate molto bene uno stampo a cerniera con burro e una spolverata di farina.
Con l'aiuto del mattarello stendete metà della pasta frolla fino ad ottenere un disco alto circa mezzo centimetro, foderate lo stampo e bucherellatene il fondo con una forchetta; cercate di creare un bordo di pasta alto poco meno di un paio di centimetri che servirà a contenere la crema.
Versate la crema dopo aver eliminato il baccello di vaniglia e stendete col mattarello l'altra metà dell'impasto con cui andrete a coprire la crema e a sigillarne i bordi.

Bucherellate con delicatezza la superficie e cuocete in forno preriscaldato a 180° per circa 40 minuti.


12 commenti:

  1. Buonaaaaa!!! Ho assaggiato i buonissimi pasticciotti l'estate scorsa... la tua versione a torta deve essere uno spettacolo, grazie dell'idea!!!! Complimenti :-)

    RispondiElimina
  2. Mamma mia che bontà, brava!!!!

    RispondiElimina
  3. Anche io adoro Buddy, lo guardo tutte le sere quando fa quei mega piatti ipercalorici salati...mi mette una fame!! Ma adoro anche questo abbinamento dolce che rifarò seguendo le tue modifiche perchè anche per me non esiste frolla senza limone ( e a dire il vero un pizzico di lievito ;-)) e crema pasticcera meno zuccherosa...

    a presto

    RispondiElimina
  4. questa estate ero in salento e se penso a quanti ne ho mangiati.. mamma mia! ingrasso solo al pensiero ; ) sono davvero buonissimi e non li ho mai provati nella versione "a torta", ma tu mi hai incuriosito. Hai delle belle ricette, mi piace il tuo blog!

    RispondiElimina
  5. Non me ne parlare, mi sogno quei pasticciotti anche la notte, mi hanno definitivamente conquistata ma non ho ancora provato a farli, devo rimediare al più presto xche questa torta ha un'aspetto squisito!Baci

    RispondiElimina
  6. L'ho fatta cneh io qualche volta ma con le ricette che uso sempre per frolla e crema. Voglio sperimentare questa versione di Roux, ha davvero un aspetto magnifico.
    Cmq concordo sul profumo di limone nella frolla...ci vuole proprio sopratutto con la farcia di crema

    RispondiElimina
  7. @eyra: grazie a te, a presto!!

    @letizia: grazie!! :)

    @milla: buddy troppo il numero uno (a parte quando si mette a spremere aglio sopra ogni pietanza come un'invasato!!)

    @sere: grazie cara! provala e fammi sapere! :)

    @meggy: buonissima e semplicissima, provala!

    @ele: le ricette di roux sono molto valide, vale la pena provarle e poi nel caso personalizzarle! baci!

    RispondiElimina
  8. Sono stata a Lecce per Capodanno ed ho assaggiato i pasticciotti..assolutamente divini, quindi questa ricetta me la segno e li preparerò presto per ricordare la mia vacanza salentina

    RispondiElimina
  9. @le temps des cerises: quale modo migliore per ricordare una bella vacanza??? ;)))

    RispondiElimina
  10. Io sono salentina e la torta pasticciotto per me è un pezzo di cuore, davvero :-) Se ti interessa la versione originale di questa torta meravigliosa vieni a leggere il post che le ho dedicato. Bellissime foto, complimenti :-)

    RispondiElimina

che ne pensi?

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails