13 gennaio 2012

CIACCI DI RICOTTA


Emiliani o Romagnoli? Qualcuno sa dirmelo da che zona specifica arrivano?
No perchè io che son cresciuta passando tutte le mie estati di ragazzina ai lidi ravennati non li avevo mai visti nè mangiati prima, e di questo me ne pento!!

Per farvi capire meglio, posso dirvi che assomigliano molto a dei pancakes salati di ricotta, ma quello che deve esservi ben chiaro è che creano dipendenza! Sono buonissimi, semplicissimi e veloci da preparare, soffici, sani e allo stesso tempo molto golosi e perfetti come antipasto accompagnati da un bel tagliere di salumi, ma la versione che piace di più a me è quella basic: da soli e da mangiare impilati uno sull'altro appunto come una bella stack of pancakes!!

Ho trovato questa ricetta su un libro di cucina emilio-romagnola pagato pochissimo in quanto prima uscita in edicola abbinato ad un quotidiano, ed è stato davvero un ottimo affare! Non so dirvi gia' quanti segnalibri ho piazzato ovunque per ricordarmi quali piatti devo assolutamente preparare, dovreste vedere la foto della torta di mele ferrarese... da svenimento!
Vi assicuro che sarà presto su questi schermi...!

Ma torniamo ai ciacci: questo potrebbe essere anche un piccolo escamotage per far mangiare ai bambini che odiano latte e formaggio come li odiavo io, una bella porzione di ricotta e magari anche qualche verdura, la prossima volta infatti aggiungerò all'impasto una bella manciata di spinaci strizzati e sminuzzati, sono sicura che verranno buonissimi!

Perchè vi dico questo? Perchè è partito il primo contest della Leti!
Una sfida all'ultimo piatto per trovare ricette sane, appetitose ma sopratutto gradite ai 2 spietati e incorruttibili giudici... i suoi bambini!
Speriamo che i miei ciacci superino la prova assaggio anche con loro..


Ingredienti per 2 persone:

250 gr di ricotta
2,5 dl di latte fresco
3 cucchiai di farina 00
mezza bustina di lievito per torte salate
sale e olio qb


In una ciotola versate la ricotta e il latte, con l'aiuto di un frustino scioglietela fino a far sparire tutti i grumi; a questo punto aggiungete la farina e il lievito e mescolate bene fino ad ottenere una consistenza densa e cremosa; per intenderci dev'essere un po' più densa di quella delle crepes, quindi se occorre aggiungete un altro po' di farina.

Aggiungete un pizzico di sale e, se vi piace, anche una grattatina di noce moscata, ma proprio poca!

Spennellate il fondo di un tegamino antiaderente (il padellino per fare le uova per capirci), con pochissimo olio evo, fate scaldare e poi versate un mestolo di composto, chiudete con il coperchio e fate cuocere a fiamma medio-bassa per circa un minuto.
Quando comincia a fare le bolle, staccate con delicatezza la "frittella" prima dai bordi e poi molto delicatamente anche dal fondo, se vedete che non si stacca rimettete il coperchio e aspettate un altro minutino. Giratela e cuocete per 1 minuto; mettetele in un piatto impilate una sull'altra man mano che vengono pronte e cercate di non mangiarvele tutte prima di portarle in tavola!!

Per ogni frittella ricordatevi di spennellare sempre il fondo e i bordi del padellino con qualche goccia d'olio, per comodità versate un cucchiaio d'olio in una ciotolina e attingete ogni volta da li.

Possibili varianti: aggiungete al composto una manciata di spinaci ben strizzati e sminuzzati, oppure qualche cucchiaiata di parmigiano oppure anche funghi a pezzetti, cubetti di prosciutto cotto, carciofi... insomma sbizzarritevi!!
Naturalmente potete sostituire il sale con un po' di zucchero e come per magia servirli dolci, magari con una bella e SANISSIMA cucchiaiata di Nutella....!


Con questa ricetta partecipo ufficialmente a:




14 commenti:

  1. Sei troppo FORTEEEE!!!!! Post superbo e farò vedere la tua creazione ai miei bimbetti appena tornati da scuola...e mi immagino già le loro espressioni ;-)
    Ti ringrazio davvero tanto e và benissimo come antipasto/snack.

    Un abbraccio affettuoso

    RispondiElimina
  2. Io queste le mangerei a colazione lo sai adesso!!!!altro che sono una meraviglia!!!!bacioni,Imma

    RispondiElimina
  3. Io sono romagnola di forli e mia mamma e' ravennate ma non ho mai visto ne sentito parlare di questi ciacci o di cose simili alla ricotta...mi sa che sono emiliani.
    Comunque fanno veramente venire una gran fame con quelle belle fette di salame :)

    RispondiElimina
  4. Buonissimi, non li conoscevo e mi ispirano tantissimo, ne impazzirebbe mandorlina!

    RispondiElimina
  5. @leti: ahahah! speriamo di impressionare i giudici allora!!;)) un bacione a te!

    @imma: grazie immmaaa!! bacione!

    ele: giusto te aspettavo infatti! ufficiale: sono emiliani allora! bacione!

    @giada: devi assolutamente provarli allora!! a presto!

    RispondiElimina
  6. Tu bari mia cara... col salame qualsiasi cosa è buona! ;)))

    RispondiElimina
  7. nooooouuuuuuuuuuuuuuuu non potevi aspettare un mesetto a metterla sul blog??? ... io sono a dieta!!!!!!!!!!!!!!! devono essere strepitose!!!!!

    RispondiElimina
  8. Sono molto sfiziosi, li assaggerei MOLTO volentieri, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  9. @fantasie: ahahah! bravissima, hai ragione!

    @rosannella: sono light, leggi gli ingredienti!!

    @silvia: acchiappa ciotola e cucchiaio allora! ;))

    RispondiElimina
  10. Cara sono lieta di comunicarti che sei tra i vincitori del contest "A prova di bimbo!". Mandami una mail con l'indirizzo così ti invio il regalino ;-)

    Buona giornata

    RispondiElimina
  11. ci credo che hai vinto! fanno davvero tantissima gola, anche da me queste cosucce spariscono mentre le faccio :)

    RispondiElimina

dimmi la tua!

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails