15 aprile 2010

BACK FROM SCHOOL! A SCUOLA DI DOLCI AMERICANI CON SOPHIA

Ed eccomi di ritorno anche dal mio primo corso di cucina... il giudizio su questa esperienza è sicuramente positivo, è stato molto divertente e lo spazio utilizzato era davvero bello e ben fornito di tutti quegli utensili che vorresti ficcarti nella borsa non appena qualcuno si distrae, non per niente si trova sul retro del negozio di Kitchen!

Sophia Bapt, la ragazza che ha tenuto il corso, si definisce una cuoca "senza guanti bianchi", che sta a significare che fare lo chef non è mai stato il suo mestiere ma più che altro una passione che col passare degli anni è diventata sempre più forte; figlia di genitori americani e francesi (non ricordo più se la mamma americana o il contrario), è cresciuta a Parigi, ha studiato 5 anni a New York e in seguito ha vissuto 3 anni in Asia dove ha frequentato parecchi corsi di cucina. Quindi cosa ne viene fuori? Un'esperta di cucina francese, americana, thai e molto altro ancora, che si destreggia tra noodles, chouquettes, tagine e naturalmente apple pie...!

Ma veniamo ai dettagli: non appena sono arrivati tutti i partecipanti mi sono trovata catapultata in un vecchio post di Alem che potete andare a leggere QUI ! Che ridere...!

E' proprio vero che durante questi corsi si incontrano persone di tutti i generi: c'era il gruppetto mamma e figlia con amica al seguito che rappresentavano le "aficionados" di Sophia in quanto avevano già frequentato alcuni suoi corsi, c'erano le troppo timide per prendere in mano una forchetta e cominciare a imparare qualcosa, c'era il gruppo del "se non prendo appunti tutta la sera sarà stato tutto inutile!", c'era il gruppo delle... bhè... non lo so.. hanno chiacchierato dei fatti loro tutta la sera sorseggiando birra e smangiucchiando qua e là, c'eravamo io e altre 2/3 che rappresentavamo le novelline volenterose e poi... e poi c'era lui... con cravatta e gel tra i capelli, occhialini da intellettuale, aria da sotuttoiofatelargogente che naturalmente ha chiacchierato amabilmente tutta la sera con un'amica sorseggiando birra rossa artigianale e non muovendo un dito manco se l'ammazzavi (non vi dico il suo sguardo scandalizzato quando Sophia gli ha messo davanti una mela da sbucciare!)..
Ma io dico: siamo a Milano, direi che di bei posti dove andare a fare l'aperitivo ce ne sono parecchi... cosa ti ha spinto a spendere 70 euro e venire qua???  Mah..!

Ma veniamo ai piatti cucinati:

Sticky Buns
deliziose brioscine al profumo di cannella e ricoperte da un caramello appiccicoso, appunto sticky!
Sono simili alle cinnamon rolls di cui io sono ghiotta e che non mi faccio mai mancare negli States ma anzichè essere ricoperte di un filo sottile di glassa bianca, se ne stanno sdraiate in un letto di morbido caramello!


Banana Nut Bread
che sorpresa! Era la ricetta che mi interessava di meno in quanto me lo immaginavo come un plumcake dolcissimo dal sapore stucchevole di banana.. e invece buonissimo! E' più un pane che un dolce, le banane non si sentono poi tanto e le noci ci stanno davvero bene! Assolutamente da rifare!


Pecan Pie
la adoro... la guardo e la riguardo sul menu di Denny's ogni volta che vado in America, (anche se poi non riesco a fare a meno di ordinare la Apple Pie che rimane la mia preferita), e devo dire che non ha assolutamente deluso le aspettative, anzi! Il trucchetto dello sciroppo d'acero poi non lo conoscevo.. quindi mi sa che presto quella bella bottiglia di pregiatissimo Maple Syrup del Quebec che ho in dispensa sarà chiamata a fare il suo dovere!


Apple Pie
e qui è successo il disastro.... il forno ha fatto le bizze tutta la sera e quindi la mia torta preferita alla fine non è riuscita! Visto il grande spessore e la quantità assurda di ripieno, ha bisogno di cuocere ad una temperatura costante ed in forno ben caldo, ieri sera invece il super forno elettronico touch ha deciso di farsi i fatti suoi e non ha funzionato... risultato? La torta non si è cotta per bene, il ripieno nemmeno e quindi, quando la demoralizzatissima Sophia ha tentato di tagliarla, questa si è tutta spatasciata..
Ma non c'è problema! la ricetta ce l'ho, il procedimento l'ho visto e quindi al più presto si replica!


Quindi?? Bello, mi è piaciuto un sacco!
Io non sono per i dolci, questo l'avevo scelto solo perchè erano americani, pero' di sicuro mi piacerebbe seguirne un altro sui piatti thai in attesa del mio prossimo corso prenotato per giugno a base di.... Cucina Calabrese! Aahahah! Uguale, eh??!
Però qui c'è in ballo un derby di famiglia dove Calabria e Puglia si danno battaglia da sempre, e quindi io in quanto arbitro milanese, DEVO andarci!

So già che molte di voi sono pratiche di corsi di  cucina, per tutti gli altri... bhè, provateci perchè, comunque vada, passerete una bella e insolita serata!

14 commenti:

  1. in quante lingue si può scrivere la parola invidia?

    .................

    faccio il tifo per te! ;)

    RispondiElimina
  2. non finisci mai di stupirci! Sono corsa sul sito di Denny's a vedere se ne incrocio qualcuno nel mio percorso di quest'estate. e con mia grande gioia.... siiiiii! aspetto il BRIEFING! teddy

    RispondiElimina
  3. mi unisco a Luxus;)).......
    Scusa, ti faccio una domanda del pacco internazionale: ma a me appena hanno detto alla posta che quel prezzo che hai cittato ( 8 euro e qualcosa ) non è vero proprio! Mi stanno fregando?? Io volevo mandare il pacco in Olanda e mi costa una marea......Help me!!

    RispondiElimina
  4. @luxus: grazie! ;)
    dai dai trova un corso di cucina dalle tue parti che cosi' vediamo se recuperi qualche altro personaggio... "interessante"! ehehe!

    @teddy: hai dei dubbi? prima che parti avrai un brief a 5 stelle! ;)

    @oxana: ciao! guarda non saprei percheè ti hanno detto cosi'... non so se per l'olanda è diverso ma avrei detto comunque che sarebbe costata meno degli usa & canada!
    io ho speso per ciascun pacco 7 o 8 euro e qualche spicciolo per delle buste che non arrivavano a 800 gr.... bho! prova a cambiare ufficio postale..! baci e fammi sapere

    RispondiElimina
  5. Non saprei proprio quale scegliere... ;)
    A presto!

    RispondiElimina
  6. Eh Eh.. te l'ho detto che ai corsi di cucina si impara molto di più di una ricetta???!!!!
    Oggi torno al gambero per un corso sui dolci INGLESI!!!! :)
    Ora che mi hai fatto vedere le foto, pretendo anche le ricettine però... daiiiii!!

    RispondiElimina
  7. Caspita...sono uno meglio dell'altro e sempbranoa nche molto delicati!
    Non sapremmo davvero da quale iniziare!!
    Complimenti anche per il blog: lo abbiamo gurdato per benino e ci son giusto un paio di cose che vogliamo provare ;)
    un bacione

    RispondiElimina
  8. Invidia davvero..è da un pò che voglio lanciarmi in qualche corso di cucina. Ne ho fatto uno l'anno scorso breve alla scuola della cucina italiana. Se non erro questo l'hai fatto da Kitchen vero? Andrò sul sito a vedere il programma. E' utile avere feedback sui corsi, costano abbastanza e bisogna essere sicuri.
    Sonia

    RispondiElimina
  9. @carolina: per non sbagliare... dai un morso a tutto! :P

    @alem: com'è andato il corso?? non vedo l'ora di leggere il tuo post perchè ormai il tuo blog ha sostituito il vanity fair... ehehe!

    @manuela&silvia: non importa da quale iniziate, l'importante è assaggiarli tutti! :P
    grazie per i complimenti e aspetto a questo punto dei commenti sulle ricette che proverete, ciaoooo

    @sonia: sisi, l'ho fatto da kitchen e mi è piaciuto, è anche vero che non ho ancora nessun metro di paragone in quanto è stato il mio primo corso in assoluto.. cmq era molto ben organizzato e l'ambiente molto pulito, che non è un dettaglio trascurabile quando si sta in cucina!
    concordo con te sul fatto che sono carucci e che bisogna quindi scegliere molto bene, personalmente io scelgo solo argomenti che mi piacciono tantissimo e di cui ritengo di saperne poco o niente in modo da esser sicura di imparare di sicuro qualcosa che ancora non so (ad esempio: facendo già con ottimi risultati la pasta fresca non spenderei mai 70/80 eur per imparare il ripieno di un raviolo in più.. per quello mi affido alle ricette di altri foodblogger!),
    fammi sapere se decidi di partecipare a qualcosa, ciao!

    RispondiElimina
  10. che meraviglia!! mi ispirano paricolarmente i simil-cinnamon-rolls, che adoro alla FOLLIA!! :) invidia al cubo! :)

    RispondiElimina
  11. ciao scusa sto studiando cucina ma vorrei approfondire per quanto riguarda i dolci americani...tu hai corsi o scuole da consigliarmi dove imparare tutti i dolci americani?anche scuole fuori l'italia che magari organizzano corsi per italiani o anche in italia!

    RispondiElimina
  12. @anonimo: ciao! il corso qui sopra descritto è di sophia bapt (la trovi su FB e puoi chiederle tutte le informazioni); la sede era il negozio di Kitchen a MIlano, in via de amicis, anche qui trovi tutto su internet
    ti chiedo gentilmente la prossima volta di firmarti
    grazie, ciao!

    RispondiElimina

che ne pensi?

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails